Biografia

N ato a Dolo (VE) il 21 dicembre del 1982. Vive ad Oriago di Mira, in provincia di Venezia.

Dopo alcune esperienze all’estero si trasferisce a Venezia, dove nel 2007 si diploma presso la Scuola
Grande di S.Giovanni Evangelista, nel restauro delle opere policrome. Per lavoro vive un periodo in Israele dove idealizza un tipo di installazioni chiamate “Filtrazioni” (trasmutazione di una emozione in materia filtrata attraverso i nostri sensi). Una volta tornato in Italia realizza la sua prima filtrazione ” riflessi di un abuso “, esponendola in diverse realtà veneziane come il teatro san Gallo di Venezia, collettiva in Forte Marghera e ancora in altre gallerie di Venezia. In seguito scrive e realizza con successo un laboratorio intitolato “ascolto creativo”, in cui saranno le persone stesse a provare sulla propria pelle la propria “Filtrazione”, attraverso l’esperienza pratica. Questo tipo di lavoro, troverà affinità nel lavoro di ricerca con il clown, tramite l’ascolto di sè e degli altri, il tornare al cuore di se stessi, al grande stupore per ciò che ci circonda, l’autenticità come ritorno all’umano.

Attraverso l’arte del mimo conosce la clownerie con l’ass. Teatro Invisibile (Pd). Le formazioni continuano incontrando vari maestri tra i quali: Luca Lomazzi, Stefano Amori(scuola M.Marceau), Matteo Cionini (Atelier Fisico TO).

Nel 2010 e negli anni a venire partecipa al Festival internazionale Arte di Strada di Torino conoscendo maestri internazionale come il clown Loco Brusca, Philipe Radice (allievo di J.Lecoq) e altri. Nel 2010, con l’ass.Dottor clown Dottor Clown Italia, segue un corso professionale in comicoterapia diplomandosi nel 2011. Durante la formazione conosce il maestro Emmanuel Gallot-Levallèe (ex assistente di J.Lecoq e fondatore assieme a Silvia Marcotullio della scuola internazionale di teatro a Roma) grazie al quale scopre l’aspetto profondo, filosofico del clown: “…quel ritorno all’umano, all’essenza”. Dopo una tournèe di teatro in Marocco con l’ass. Internazionale Serpart, decide di continuare a seguire il suo maestro, E. Levallée. Frequenta così a Roma l’ Ecole de clown (presso la Scuola Internazionale di Teatro), diplomandosi a pieni voti. Il suo spirito di ricerca lo farà continuare a girare per l’italia conoscendo altri maestri: a Torino Patrizia Besantini (fondatrice e direttrice della scuola internazionale Arti mimiche e gestuali di Torino), in Veneto Ted Keijser, in Toscana Andrè Casaca (ass. Teatro C’art) e il maestro Yves Lebreton (centro internazionale per la formazione, ricerca e creazione teatrale-L’Albero), a Udine tramite l’ass. BRAT, entra in contatto con il maestro Vladimir Olshansky frequentando il corso “Il clown-attore”. Frequenta formazioni di teatro, voce e regia. con: Francesca Sarah Toich, Federico Olivetti, Teatro del Lemming, Paola Serafini (compagnia “La voce delle cose”) e C.M.Alsina (metodo delle azioni fisiche).

Dall’incontro con Marina Giacometti e Anna Ruzza dell’associazione Ottavo Giorno conosce la Dance Ability. Da questo momento la sua ricerca espressiva si apre anche alla danza, frequentando corsi di contemporanea, biodanza e contact improvisation. Nel settembre del 2018 frequenta a Roma il DanceAbility Teacher Course condotto da Alito Alessi (fondatore della DanceAbility International).

Nel 2017 presso il conservatorio Pollini di padova conosce la maestra Susanne Martinet seguendo lezioni di ritmica e espressione corporea secondo il metodo “Susanne Martinet”.
In questi anni ha lavorato come mimo collaborando con registi come G. Vick e E. Nekrosius presso il teatro “La Fenice” (Ve), il teatro “Malibran” (Ve) e la “Arena di Verona” (Vr).

Le sue performances colorano eventi privati e pubblici nell’isola di Venezia, Veneto e in altre regioni d’Italia. Nel 2012 forma la Compagnia de la Lumière con Sara Celeghin e Enrico Gaspari con i quali realizza lo spettacolo stile comiche anni 20 “Il varietà di Madame Godot” esibendosi con successo in varie realtà e concorsi.

Dal 2012 scrive e realizza progetti sul clown e sul mimo per diverse realtà del territorio: scuole, associazioni, comunità (Anffas, Rosa Blu, Avid, Emmanus), Teatro Marinoni, anche in collaborazione con altri artisti come Alice Di Lauro, Sara Celeghin, E.Gaspari, Wanda Circus e con il clown francese Nicolas. Grazie alla collaborazione con il Dott.Psicologo del Lavoro Elia Barbiero porta il teatro anche nelle imprese. Dal 2013 porta avanti un progetto, idealizzato dalla associazione teatrale “Wanda Circus”, scrivendo e conducendo un corso estivo per ragazzi sull’arte del Clown e del Mimo in Val Vigezzo, (VB).

Con l’E.N.S. Di Roma, porta avanti la realizzazione di una favola attraverso l’arte della pantomima. Collabora con l’ss. “La Gabbianella” per la realizzazione del calendario 2014 e svolge interventi di accompagnamento nella fase incontro genitori(detenuti)-figli nel carcere maschile di s.maria maggiore (VE) e in quello femminile nell’isola della Giudecca (VE). Collabora con i Musei Civici di Venezia per un progetto rivolto a far vivere l’arte ai ragazzi attraverso l’espressione corporea.

Dal 2014 svolge a domicilio attività ricreativa e di sviluppo formativo personale con persona affetta da autismo. Assieme al Dott. Psicologo Patrick Bello e ad altri educatori collabora in progetti educativi, espressivi. Segue vari convegni e formazioni sul tema dell’autismo e dal 2015 svolge servizio di tirocinio presso la comunità educativa riabilitativa “Antennina” (O.R.B.P.) a Marghera, (VE).

A partire dal novembre del 2012, tramite l’Ass. Dott.clown-padova e l’ass. Gioco e Benessere della clinica pediatrica/azienda ospedaliera di Padova, è stato svolto assieme alla collega Sara Celeghin e al psicologo Salvatore Sechi, un progetto di ricerca sulla preparazione alle procedure invasive attraverso la clownterapia, avente esito positivo.

L’Arte, nelle sue varie forme, continua ad essere presente e viva nella sua Vita come mezzo comunicativo per sé e per gli altri.